Lettera al partigiano: consegnata all’Anpi dai bambini dell’elementare di Altopascio 25 Aprile 2019 Riceviamo e con piacere pubblichiamo la “lettera al partigiano” che i bambini della scuola primaria di Altopascio (Lu) hanno scritto per il 74º anniversario della Liberazione dell’Italia dal nazifascismo. Sono in Cielo e pregherò per voi. Come tu ben sai, domani sara’ il … Caro Pierino, non mi conosci, ne potremmo mai conoscerci. Modifica ), Mandami una notifica per nuovi articoli via e-mail. ( Chiudi sessione /  Io lo passerò in Cielo. Ma non posso raccontarti oggi queste cose, perché non ci sono. Caro partigiano, in questi giorni cupi e in questo tempo greve, t’ho pensato intensamente. Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Twitter. Caro Partigiano, sono passati 71 anni da quel giorno, ma la Liberazione è ormai occupata da diverso tempo. Eroe partigiano, autore. Dear Sister, lettera di un partigiano. Ne ho pubblicate, altre sono ancora da scrivere. Dopo tante vitacce, in montagna, dover morir cosí… Ma, in Paradiso, sarò vicino a mio fratello, con la nonna, e pregherò per tutti voi. Lettera aperta a un partigiano morto . Frutti che non abbiamo mai raccolto e abbiamo lasciato marcire. Hai dato tutto, caro Partigiano, forse troppo ad un futuro sì meschino e sibillino. ( Chiudi sessione /  Quel Natale del ’44 Lettera di un Partigiano alla figlia) Lettera scritta dal partigiano Vladimiro Diodati, “Paolo”, alla figlia Milena. ( Chiudi sessione /  Io sono sempre vicino a voi. Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso: Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Twitter. Venerdì 4 settembre un ospite d’eccezione per la festa varesina: l’onorevole Renzo Pigni, partigiano ed ex sindaco di Como. Lettera al nonno. Modifica ), Mandami una notifica per nuovi articoli via e-mail. T’ho pensato spesso, a dirla tutta, negli ultimi anni. Siamo di due generazioni diverse, forse oggi saresti un nonno felice attorniato dai tuoi nipoti, ma non hai avuto la fortuna di vivere per vedere cosa sarebbe successo. Non mettetevi in pena per me. ( Chiudi sessione /  Pregate per me. Carissimi genitori, parenti e amici tutti. Partigiano della Brigata " Lullo Mongada ", Divisione Autononia " Sergio De Vitis ", … Se la dignità di una persona passa, anche attraverso il lavoro, questa dignità la stiamo perdendo e l’arroganza dei nostri nuovi governanti te la fanno pesare. Termino con mandarvi tanti baci e tanti auguri di buon Natale. Lettera di un partigiano sulla moralità della Resistenza di Angelo Cannatà Avevo vent’anni quando nella “brigata Garibaldi” combattevo, sulle montagne, contro i nazifascisti. Nel sogno che avevi fatto, la società tutelava e interviene nei confronti del cittadino per tutelare la sua salute. Ci hanno condannati solo perché siamo partigiani. Oggi la persona non è più il fine della società, ma solamente un mezzo per pochi e non deve diventare un peso per gli altri. non mi conosci, ne potremmo mai conoscerci. Leggi tutti gli articoli di Comandante Lupo, i partigiani ci anno regalato la libertà dai luridi fascisti gianni. LETTERA A UN PARTIGIANO MORTO MA SVEGLIO Caro partigiano morto ma sveglio, io lo so che sei sveglio perche’ chi muore sveglio rimane sveglio anche da morto. Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Google. Vi chiedo perdono, se vi ho dato dei dispiaceri. Fatevi coraggio, noi siamo innocenti. Lettera di un Partigiano - 22 Dicembre 1944. Lettera da un condannato_Ragazzo. Io e Candido, tutt’e due, siamo stati condannati a morte. Pigni, che per diversi anni fu accanto a Sandro Pertini durate i suoi anni di presidenza, ha inaugurato insieme a Emanuele Nicora della Fiap, una mostra a fumetti dedicata a Pertini. Sono sempre alla ricerca di nuove storie se vuoi aiutarmi nella ricerca contattami. Dietro il quadro della Madonna, nella mia stanza, troverete un po’ di denaro. Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Google. Di anni 20 - meccanico - nato a Coazze (Torino) il 24 maggio 1925 -. Eleonora Pugliese. Partigiano della Brigata ” Lullo Mongada “, Divisione Autononia ” Sergio De Vitis “, partecipa agli scontri del maggio 1944 nella Valle di Susa e a numerosi colpi di mano in zona Avigliana (Torino) -. Lettera del partigiano biancavillese: «Io, processato come un terrorista» ... «Un operatore, mortificato per il ritardo, mi ha spiegato le grandi difficoltà a processare i tamponi e mi ha detto che non è stato ancora analizzato e probabilemnte è tra molti altri campioni, al “Garibaldi” di Catania, ancora da esaminare». Perché ci si indigni deve avvenire una strage, pena passare la notizia come riempi pagina interna di qualche edizione locale. Tra qualche giorno è la ricorrenza del 25 aprile, una data che ricorda il tuo sacrificio, la speranza di un mondo diverso, di una società nuova. Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso: Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Non lo so. LETTERA A UN PARTIGIANO CONDANNATO A MORE IN LINGUA INGLESE . Già perché tu hai donato la tua vita per noi come molti altri partigiani, la tua esistenza si è fermata nell’ottobre del 1944, quando le ss tedesche e le brigate nere fasciste iniziarono l’eccidio di Marzabotto. Oggi una nazione si ferma quando un calciatore muore per cause naturali, è un dramma sicuramente, ma non prestiamo la stessa attenzone quando un lavoratore muore sul posto di lavoro. la mia roba, datela ai poveri del paese. Hai combattuto fino all’ultimo ma non c’è l’hai fatta, sei rimasto ferito e da allora non si hanno più notizie. Prendetelo e fate dire una Messa per me. devo comunicarvi una brutta notizia. di Grace Vaccari. Oggi in alcune regioni italiane non puoi ammalarti perché i tuoi farmaci salvavita sono troppo costosi e la società non te li riconosce. L'articolo non è stato pubblicato, controlla gli indirizzi e-mail! Di anni 20 – meccanico – nato a Coazze (Torino) il 24 maggio 1925 -. Mai si è sentito un ministro accusare i cassaintegrati di pesare sulla società a causa dei sussidi, dei prepensionamenti come se un lavoratore posto di fronte alla scelta disoccupato o prepensionato scegliendo quest’ultima opportunità diventasse un ladro. Caro Togliatti, sono un vecchio comunista compagno di Picelli . Lettera di un partigiano. Salutatemi il Parroco ed il Teologo, e dite loro che preghino per me. finita per vostro figlio Mario. e mamma, ? Dear Sister, lettera di un partigiano. Scriveva un partigiano ai suoi genitori.. Voi se foste al suo posto cosa scrivereste? Un esempio è quello di Armando Amprino. ( Chiudi sessione /  Alcune lettere sono stati tenuti dai partigiani che sono stati condannati a morire dai fascisti. Voi fatevi coraggio. ( Chiudi sessione /  Giacomo Ulivi era un partigiano fucilato a 19 anni, nel 1944. Studiare la guerra è stata occasione, per Serena, di pensare al nonno, partigiano e mai conosciuto. Provate a scrivere una lettera voi immedesimandovi nella parte! Nell’autunno si iscrisse alla Facoltà di medicina, ma dopo alcune settimane, chiese e ottenne il passaggio alla … Fai clic qui per stampare (Si apre in una nuova finestra), Fai clic qui per condividere su LinkedIn (Si apre in una nuova finestra), Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra), Fai clic qui per condividere su Twitter (Si apre in una nuova finestra), Fai clic qui per inviare l'articolo via mail ad un amico (Si apre in una nuova finestra), Leggi tutti gli articoli di Comandante Lupo, Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti, AFFILE – Mausoleo dedicato al fascista, annullate le condanne ai politici, Elenatorresani Donna Cosciotta in lotta contro i Mulini Bianchi, lo stuol de' pensier miei sparsi raccolgo. Perché scrivo a te e non ad altri? Alcune lettere sono stati tenuti dai partigiani che sono stati condannati a morire dai fascisti. Ci sono altre foto di te partigiano scattate in brigata in momenti di riposo tra una marcia e l’altra, in una sei insieme a dei tuoi compagni che scimmiottate l’arresto di un fascista, un momento allegro in una vita sicuramente difficile. :) Un abbraccio. ANPI sezione Aurelio Cavalleggeri - Galliano Tabarini. Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. Un sogno che sembrava realizzato, un sogno messo nero su bianco, attentamente scritto proprio per non essere frainteso, ma lentamente noi, che avremmo dovuto raccogliere i frutti del tuo sacrificio, ci siamo lasciati sfuggire dalle dita il vostro fiore. Louis Lunari (voce e chitarra dei Sunset Boys, Genova), in ascolto libero su youtube: “Lettera di un Partigiano condannato a morte” sonorizzata da Louis Lunari con il bassista Massy “Mad Max” Murialdo e il producer Alex Cavalieri, co la produzione artistica di Eugenio Merico (Yo Yo Mundi) e … Verifica dell'e-mail non riuscita. Ci dispiace, il tuo blog non consente di condividere articoli tramite e-mail. della famosa «Lettera» ... Il poeta racconta che alla fine di aprile del 1945 la madre di Giacomo Ulivi (nella foto) , un giovane partigiano che poco più di cinque mesi prima era stato fucilato dalle SS di Salò, volle vederlo per consegnarli («ero stato a … Un esempio è quello di Armando Amprino. Lettera a un figlio che parte Qualsiasi occasione è giusta per dichiarare i propri sentimenti con una dedica per un figlio, che diventi una sincera lettera al proprio figlio. Oggi 25 Aprile, … davanti al monumento dei caduti per la resistenza? Oggi non siamo più noi il centro della nostra vita, non siamo più gli attori principali delle nostre scelte e la nostra dignità di persone, di società è stata venduta per pochi centesimi. A giorni ci sarà il 25 aprile, un nuovo 25 aprile, si spolvereranno gli allori, si parlerà ancora del vostro sacrificio poi… tutto verrà riposto nelle bacheche per riuscire il prossimo anno. La vita ? more_vert. Lettera di un partigiano. ( Chiudi sessione /  Breve biografia di un partigiano combattente (Da: Dattiloscritto inedito, allegato a una lettera a Silvia; Torino, 1985) Giorgio Buridan era nato nel 1921 a Stresa (la ma-dre Maria Teresa Cappa Legora, il padre Paolo Buri-dan) ha vissuto a lungo a Torino da dove, dopo la … Cosa vogliono dirmi queste fredde pietre che sfiorandole mi gelano? Anche militanti del PCI scrissero lettere di protesta. Riprova. Nato in provincia di Parma il 29 ottobre 1925, conseguì nel 1942, con un anno di anticipo, la maturità classica. Vi sarò sempre vicino, vicino a te, caro papà, vicino a te, mammina. Raccogliete la mia salma e ponetela vicino a mio fratello Filippo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Forse la tua storia mi ha colpito più di altre, forse è stato leggere la tua breve biografia, sapere che eri uno studente di medicina che per fuggire all’arruolamento dell’esercito della Repubblica Sociale hai preferito la strada più impervia della montagna, forse perché il tuo nome da partigiano Pierino mi ricorda il Pierino delle barzellette adolescente irrequieto e sarcastico, forse … Ma non ha importanza. In vista del 71? Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti. Noi vogliamo glorificare la guerra- sola igiene del mondo- , il militarismo, il patriottismo, il gesto distruttore dei liberatori, le belle idee per cui si muore e il disprezzo della donna. Riportiamo il testo della lettera fornitaci dal partigiano Enzo Galasi, compagno di lotta di Sergio Bassi. Quali sarebbero le senzazioni, le emozioni i sentimenti che provereste al suo posto? Ho ricercato e raccolto storie di vita, di guerra, di resistenza. Vado alla morte tranquillo assistito dal Cappellano delle Carceri che, a momenti, deve portarmi la Comunione. Silence Tornato in patria fu accolto come un eroe e un trionfatore dai circoli neonazisti bavaresi, di cui per altri 8 anni fu attivo sostenitore. Lo abbiamo lasciato appassire, sicuri o certi di avere già la certezza di questi frutti. Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Un bacio a te, […] una piccolezza, il maledetto nemico mi fucila. Non lo sai, ma qui a Pianoro ti hanno dedicato una strada e quando ci passo mi fermo a pensare se ti farebbe piacere saperlo, quando leggo il tuo nome sul cartello stradale vedo la fotografia che l’archivio del comune di Bologna ha nella tua pagina, un ragazzo di 18 anni che cammina per Bologna in giacca e cravatta guardando sornione l’obiettivo. Arrivederci in Paradiso. Il gruppo partigiano riunito intorno a Giancarlo Puecher fu il primo nella Resistenza brianzola a passare dalla fase cospirativa alla lotta armata, e trovò la sua attività principale nel rifornire i nuclei partigiani della vicina montagna, rivestendo un ruolo decisivo nello stringere i … Tu sognavi una società con l’individuo libero di poter scegliere, dove la società ha il dovere di rimuovere gli ostacoli che impediscono il pieno sviluppo della persona in tutte le sue forme, salute, lavoro, cultura. La salute è ottima, solo un po’ precario il dormire. Siamo di due generazioni diverse, forse oggi saresti un nonno felice attorniato dai tuoi nipoti, ma non hai avuto la fortuna di vivere per vedere cosa sarebbe successo. (Contro Guerriglia) di Torino Fucilato il 22 dicembre 1944, al Poligono Nazionale del Martinetto in Torino da plotone di militi della GNR, con Candido Dovis. Inserito in: 8:01 pm, 10/05/2011 da generazionezero. E' stata spedita dal gruppo "Officine per la Memoria", da sempre in prima linea per la ricostruzione storica della città. Lisa Gazzo . more_vert. Andate poi da lui, vi dirà dove mi avranno seppellito. Armando Amprino (Armando) di anni 20 - meccanico - Partigiano della Brigata " … Lettera ad un partigiano mai conosciuto Cosa ci faccio io qui, Partigiano? Mi domando a volte se questa società ti sarebbe piaciuta, tu speravi in un mondo dove la persona è al centro della società, dove tutti possono avere gli stessi diritti e le stesse opportunità. Viva gli Alpini! Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail. Un futuro che, se fossi ancora qui, stenteresti a riconoscere. Una lettera al Comune per chiedere che venga intitolata una via o un parco della città di Nichelino al partigiano Paolo Ruffino, morto pochi giorni fa a 94 anni. “Non si può essere partigiani senza un preciso sustrato ideologico. Vostro figlio Armando
Viva l’Italia! Scusa Pierino ma a volte mi chiedo se è servito davvero quello che avete fatto? Tempo di lettura: 2 minuti. STORIA DI UN AMORE – Ester e Raffaele 1939/1944, Tibten scrittura e internet (il meglio del peggio della rete). anniversario della Liberazione pubblichiamo la lettera di un partigiano, Mario Brusa Romagnoli, alla famiglia prima della fucilazione: Pap? ( Chiudi sessione /  simonascarioni Sono frammenti di Anima, le dolci parole che scelsi per descrivermi. LETTERA AD UN EX PARTIGIANO CHE SI CHIEDE COME MAI NON C'E' STATA RESISTENZA EBRAICA DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE . more_vert. Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Facebook. Qualora ricordassi il primo articolo della Costituzione pensato e redatto… continua a leggere Sono curiosa di sapere se mi ci ritrovo nei vostri pensieri! Lettera a un partigiano. Catturato nel dicembre 1944 da pattuglia RAU (Reparto Arditi Ufficiali), alla Barriera di Milano in Torino – tradotto alle Carceri Nuove di Torino Processato dal Tribunale Co.Gu. La lettera alla mamma di Franco, partigiano ebreo dodicenne «Non devi impensierirti per me. Concetti che si sono codificati in quella carta che è stata chiamata Costituzione, carta che regola, o avrebbe dovuto, la nuova società nata dopo tanti anni di sangue. Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Facebook.